maschile e femminile

Eccoci qui con un argomento che, se ci pensiamo, non trova un così ampio spazio di riflessione nel contesto del “risveglio della coscienza”: l’espressione sacra del maschile. 

Possiamo in estrema sintesi affermare che il mondo così come si mostra oggi, conflittuale e inaridito, è la rappresentazione dello squilibrio tra il Principio maschile e quello femminile, cosicchè facciamo esperienza di una civiltà patricentrica che, negando il femminile oramai da millenni, non riesce a dare valore alle sue manifestazioni, siano esse la donna come genere, o la natura, così come le qualità dell’accoglienza, del nutrimento, della cura, dell’amorevolezza…

Il femminile mortificato, è una questione che riguarda le donne quanto gli uomini, poiché si devono intendere prima di tutto le polarità presenti all’interno di ognuno, sbilanciate per tutti.
Si, è una mutilazione che riguarda entrambi i generi, e in questa epoca di radicali trasformazioni sia le donne che gli uomini sono piuttosto spaesati, alla ricerca di comprendere cosa significhi concretamente integrare qualità femminili e maschili equilibrate, tutti in cammino verso livelli progressivi di pacificazione e riunificazione interiori. Ecco perché è importante ampliare la visione anche sul Mascolino Sacro.
Riportiamo a questo fine il contributo di Daniel Meurois, profondo e prezioso, da leggere con l’attenzione che merita una visione che vuole superare gli stereotipi, anche “spirituali”,  e il dualismo della separazione sotto rinnovate maschere che, nell’affrontare questo tema, si osserva dandogli così forza.

Dedicato a tutti gli Esseri che stanno facendo esperienza dei Principi Maschile e del Femminile su questa Terra.
Sara Siani
Redazione Holystica

 

“UN MASCOLINO SACRO?

Da anni, nel contesto di quello che ormai tutti chiamano “Cambiamento di Coscienza”, il tema del Femminino Sacro è abbondanemente trattato. E’ un’ottima cosa, anche se a volte rischia di diventare un discorso stereotipato e di provocare la saturazione.
Era ora che si verificasse e sono felice di avervi potuto contribuire dal 1996, con la pubblicazione di Memorie di un Esseno.
Solo che… parallelamente a questa riflessione è da un bel po’ che mi pongo il problema del Mascolino Sacro. E’ una stupidaggine… ma perchè non ci pensiamo mai?
Non è certo perchè in Occidente tentiamo giustamente di fare ammenda di qualche millennio di dominio patriarcale che ci tocca far finta che questa forma di Sacro non esista, o che sia superfluo, o persino fuori luogo evocarlo.

Molti uomini, nel senso maschile del termine, attualmente non sanno più bene e come collocarsi, a causa di questa forma di ostracismo inatteso o perlomeno di silenzio eloquente…. Dunque il mascolino potrebbe essere soltanto profano e, in un certo modo, rampante?

Allora mi dico che sarebbe forse il momento di iniziare a fare il punto e di “far uscire dal tunnel” il lato nobile – e quindi sacro – di un certo Mascolino, un Mascolino che, ammettiamolo, da molto tempo è stato seriamente messo in difficoltà, soffocato forse da dogmatismi religiosi e profani, dal machismo come dai miscugli ideologici di ogni tipo.
Se abbiamo un pò di buon senso, sappiamo che, evidentemente, la manifestazione mascolina della nostra umanità non è composta solo da maschi dominatori e primitivi. E certo non voglio avviare il discorso in quella direzione, che mi sembra evidente.
Voglio invece parlare della presa di coscienza del ruolo del “risvegliatore” che può e deve giocare l’uomo attraverso il principio che lo caratterizza.
Come definire il Mascolino Sacro?
Semplicemente come l’esatto complemento del Femminile Sacro. E’ il dinamismo, la capacità di seminare, la forza e la stabilità nella loro versione sottile, luminosa e persistente nel tempo.

Ci si dilunga molto sulla funzione di “levatrice” della donna nel contesto spirituale, sul suo ruolo iniziatico. Niente di più vero, ma sarebbe un peccato dimenticare che non c’è nessuna nascita che sia la risultante di una sola polarità, sia a livello fisico che sottile.
Il mascolino agisce nel cuore del femminino, mentre il femminino fermenta nel mascolino.

Ora prendiamo un po’ di quota e consideriamo il Principio cristico così come la nostra cultura ci invita ad avvicinarlo. Non è forse evidenziato attraverso le nozze mistiche con l’umanità e, per estensione, con il Principio femminile sintetizzato nella persona di Maria di Magdala?

maschile e femminile

Chiesa di Kilmore nell’isola di Mull, Scozia

E, analogamente, Maria Maddalena non si è forse rivelata a se stessa impersonando l’archetipo del ricettacolo, della coppa e – riassumendo – del vero Graal rappresentato dalla nostra umanità tutta intera?

Affinchè un Soffio possa esprimersi, deve esistere uno spazio che lo accolga… e affinchè l’accoglienza significhi qualcosa, ha bisogno di un invitato.
La coppa e il suo contenuto esprimono di conseguenza, ciascuno con la propria natura, uno dei volti dell’iniziazione attraverso cui giunge il Risveglio. Illustrano una sola realtà: quella degli apparenti contrari destinati inevitabilmente a fondersi.
In realtà cerchiamo di comprendere bene che ciò che sentiamo attualmente come Femminino Sacro senza la sua controparte maschile rimarrebbe azzoppato. Sarebbe dunque un peccato che servisse da argomento unico al discorso spesso troppo semplicistico e sistematico di certi paladini della “Nuova Coscienza”.
Non comprenderlo contribuisce a mantenere vivo il faticoso gioco del “passarsi la palla” a cui si dedicano il Mascolino e il Femminino da… a proposito, da quando? In ogni caso da troppo tempo.
In realtà, che vantaggio ci sarebbe a passare da un patriarcato a un matriarcato? O ancora da un papa a una papessa? Sarebbe come sbarazzarsi di una maschera per prenderne subito un’altra.
Dovrebbe essere chiaro: ogni volta che un essere raggiunge la completezza, quindi si realizza, ciò significa che si unifica, che sperimenta dentro di sé le nozze alchemiche della Luna e del Sole.

E’ importante sapere che, al tempo stesso non pensa più in termini di sacro e di profano e, a maggior ragione, di maschile e femminile. Assapora la Vita per offrirla, simultaneamente, tutto qua. Quali che siano i tratti del suo viso e le linee del suo corpo, in lui frontiere e polarità sono abolite. Il contenuto fa dimenticare il contenitore.
E’ L’UMANO SACRO CHE DOBBIAMO PRIMA DI TUTTO RISUSCITARE, attraverso i mille modi in cui si esprime la Vita!

All’orizzonte c’è l’androginato del nostro spirito… è questo che rincorriamo senza nemmeno saperlo.

Certo, continuerò a parlare con gioia del Femminino Sacro, perchè il fatto che emerga in questo momento è un indicatore significativo del nostro stato di mutazione. Non si può evitare di di parlarne, il suo emergere ci rivela il superamento interiore di una soglia di importanza capitale…
Tuttavia, vigilerò affinchè questo discorso non conduca a una mezza metamorfosi: perchè, in definitiva, i nostri mali non si risolveranno nè per mezzo dell’uomo, nè per mezzo della donna, ma nel Soffio unico che anima la parte migliore di entrambi.
E allora, mi chiederete, bisogna malgrado tutto parlare di Mascolino Sacro? Sì, senza esitazione..
Bisogna ricordarsi che esiste e non temere di manifestarlo. Che gli uomini non abbiano quindi vergogna delle specificità costruttive del loro cuore e che le donne non le temano…
E’ l’unico modo per equilibrare i due piatti della bilancia e per concentrare finalmente il nostro sguardo sull’asta luminosa della bilancia stessa.”

Daniel Meurois
Traduzione di Renata Germanet

Leggi l’articolo originale cliccando sull’immagine:

Un Mascolino Sacro?

 

Commenti Facebook
Google+

Pin It on Pinterest

Share This

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close